Scudetto da braccio 21a Divisione Fanteria Granatieri di Sardegna truppa

120,00 €
Nessuna tassa
Quantità
Non disponibile

Le origini della divisione risalgono al 1831, alla Brigata Guardie dell'Armata Sarda. Con l'ordinamento dell'11 marzo 1926, che introduceva le brigate ternarie, venne costituita la Brigata "Granatieri di Sardegna", su tre reggimenti di granatieri, che con il 13º Reggimento artiglieria andò a formare la 21ª Divisione territoriale di Roma. L'8 febbraio 1934 questa divenne la 21ª Divisione di fanteria "Granatieri di Sardegna". Nel 1939 la divisione perde il 3º Reggimento "Granatieri di Sardegna", mentre successivamente venne aggregata la 55ª Legione CC.NN. d'assalto.

In esecuzione della legge 11 marzo 1926 sull'ordinamento del Regio Esercito, che prevedeva la costituzione delle Brigate su tre reggimenti, nella brigata venne inquadrato anche il 3º Reggimento "Granatieri" ricostituito il 1º dicembre 1926, formato con i terzi battaglioni dei reggimenti preesistenti, e la brigata prese il nome di XXI Brigata di fanteria.

Nel 1935 il I Battaglione del 3º Reggimento prese parte alla Guerra di Etiopia.

Nell'autunno 1939 quando vennero costituite le Divisioni di fanteria articolate su due reggimenti di fanteria, il e il 2º Reggimento "Granatieri di Sardegna" vennero assegnati, insieme al 13º Reggimento artiglieria da campagna, alla 21ª Divisione fanteria "Granatieri di Sardegna", mentre il 3º Reggimento "Granatieri Guardie" venne staccato da essa, restando dislocato in Albania alla cui invasione aveva preso parte e sarebbe stato poi impiegato dur